Privacy Policy
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Insegnante di musica si dimette da insegnante di sostegno perchè si sente inadeguato

  1. #1
    Administrator Pinguino reale L'avatar di paola
    Registrato dal
    Jan 2006
    residenza
    Conza della Campania, Italy
    Età
    45
    Messaggi
    5,185

    Predefinito Insegnante di musica si dimette da insegnante di sostegno perchè si sente inadeguato

    Lo ammetto!
    Quando ho sentito la notizia al TG, in cuor mio, ho ringraziato questo professore, che ha avuto il coraggio e l’onestà di anteporre l’interesse del suo alunno al proprio tornaconto personale. L’ho ringraziato soprattutto perché in questo modo è stato messo in luce un grosso problema della scuola italiana: la preparazione della classe docente tutta.
    Faccio parte di quella parte di persone che pensa che tutti i docenti dovrebbero essere preparati alla “disabilità”, o più in genere alle difficoltà, altrimenti non esisterà inclusione possibile. Ma quando parlo di inclusione, non intendo solo l’inclusione degli alunni DA (come li ama chiamare la nuova normativa) ma neanche quella dei DSA piuttosto che dei BES o di qualsivoglia bambino o ragazzo a cui verrà affibbiata una sigla.
    Il professore che si sente inadeguato, di fronte all’alunno disabile grave è inadeguato all’insegnamento, perché tutti sanno insegnare a chi impara da solo, all’eccellenza. Il vero banco di prova, nella scuola così come nella vita, sono le difficoltà, l’imprevedibile, l’incomprensibile, l’imbarazzante. Sì l’imbarazzante… perché là disabilità, spesso, genera imbarazzo e più e grave e più imbarazza.
    E se da un lato sono grata al professore, dall’altro sono preoccupata. I professori non si formano e non si specializzano, perché non vogliono rapportarsi con la disabilità: è emotivamente difficile, allora quando lo si fa, è troppe poche volte per scelta e nella maggior parte dei casi è per convenienza. Invece, se davvero si volesse una scuola per tutti, dove “per tutti” includiamo anche il bambino normo con capacità mediocri, allora i docenti dovrebbero scegliere, a priori, di rapportarsi anche con gli alunni disabili gravi, invece più sono gravi e più i genitori vengono invitati “a scegliere strutture idonee” perché il personale della scuola non è specializzato. Per cui da un lato ringrazio e dall’altro mi preoccupo, che la denuncia possa corrispondere non tanto a una denuncia del servizio che va adeguato, ma di un sistema in cui i disabili dovrebbero essere seguiti da personale “formato” ergo da strutture idonee, e questo mi fa venire un brivido lungo la schiena.
    Sempre più spesso negli ultimi anni motiviamo le incapacità della scuola dicendo che il problema sono gli alunni. E’ un po’ come se si arrivasse in un ospedale e i medici si mettessero a curare la cosa sbagliata, a nessuno dopo verrebbe in mente di dire: “si vabbè ma era lui che era malato al cuore anziché allo stomaco, mica è colpa mia se è morto!” Anzi se succedesse una cosa del genere il medico rischierebbe pure una bella causa. Nella scuola non funziona così, anzi funziona che il problema è quasi sempre del ragazzo e della sua famiglia (sempre che la famiglia ci sia). Sì è della famiglia e del ragazzo il problema! Anche in questo casolo è! Perchè quel bambino autistico, non so in quanti lo abbiano realizzato, è restato senza insegnante!! Ma questo conta poco, quasi niente, perché si sa… la famiglia dovrebbe scegliere docenti più formati, strutture più adeguate…
    Sì dovrebbe proprio farlo, perché così nella scuola finirebbe tutto quell’imbarazzo ogni volta che si incontra, quell’imbarazzo che si prova ogni qual volta troviamo di fronte qualcosa che non vorremmo ci capitasse, qualcosa di cui abbiamo paura, che è un po’ lo stesso imbarazzo di quando vediamo la coperta nella cabina telefonica o il barbone che dorme nel sottopassaggio, quell’imbarazzo che proviamo ogni qual volta la vita ci mette di fronte al fatto che siamo forse fortunati e che forse non ce lo meritiamo, perché è solo per un puro caso che siamo nati intelligenti, piuttosto che disabili, in grado di camminare, piuttosto che infermi, agiati piuttosto che poveri, bianchi piuttosto che neri e così via….
    E a voi cosa ha fatto provare questa storia?
    Ultima modifica di paola; 18-11-2018 a 16:58
    "Ieri è storia, domani è un mistero, ma oggi è un dono e per questo si chiama presente"

  2. #2
    Super Moderator Pinguino reale L'avatar di maddy
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    brianza
    Età
    50
    Messaggi
    2,552

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da paola Visualizza il messaggio
    E se da un lato sono grata al professore, dall’altro sono preoccupata. I professori non si formano e non si specializzano, perché non vogliono rapportarsi con la disabilità: è emotivamente difficile, allora quando lo si fa, è troppe poche volte per scelta e nella maggior parte dei casi è per convenienza. Invece, se davvero si volesse una scuola per tutti, dove “per tutti” includiamo anche il bambino normo con capacità mediocri, allora i docenti dovrebbero scegliere, a priori, di rapportarsi anche con gli alunni disabili gravi, invece più sono gravi e più i genitori vengono invitati “a scegliere strutture idonee” perché il personale della scuola non è specializzato.

    non so se gli insegnanti non vogliono formarsi o non riescono: non ho mai capito bene le dinamiche del mondo scuola, e so che le capiscono poco anche gli insegnanti, perchè è oggettivamente un ginepraio.
    Sono certa però del valore della scuola inclusiva, valore per TUTTI gli alunni, anche i più dotati. E sono convinta che la formazione a insegnare ai DA, DSA, BES e chi più ne ha più nè metta, debba essere rivolta a tutti gli insegnanti. Solo così tutti gli alunni saranno alunni della classe, e l'insegnante di sostegno un insegnante della classe.
    Così come è ora, l'inclusione è un fatto di fortuna: fortuna di incontrare gli insegnanti capaci e che credono nell'insegnamento inclusivo. Non esiste cosa più ingiusta in un servizio pubblico come la scuola.
    Concludo provocatoriamente: per chi non crede che l'insegnamento inclusivo sia un bene per tutti gli alunni, esistono tante scuole private ed esclusive
    Maddalena, mamma di Monica, 11 anni

  3. #3
    Super Moderator Pinguino reale L'avatar di giuly
    Registrato dal
    Jan 2006
    residenza
    provincia di Torino
    Messaggi
    1,665

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da maddy Visualizza il messaggio
    non so se gli insegnanti non vogliono formarsi o non riescono
    Temo siano diffuse entrambe le motivazioni... è molto difficile trovare corsi veramente utili, che non si fermino ad una infarinatura teorica ma che scendano su un piano concreto e che mettano le basi per riuscire a lavorare bene in classe.
    Negli ultimi anni un po' ovunque vengono proposti corsi di formazione rispetto ai Disturbi Specifici di Apprendimento ma rarissimi sono invece quelli sul ritardo cognitivo.
    In ogni classe ci sono generalmente uno o più bambini con una certificazione di DSA o di BES che non hanno un insegnante di sostegno, quindi gli insegnanti sono costretti a rimboccarsi le maniche e trovare strategie (o a frequentare un corso sperando di scoprire la strategia vincente).
    Nelle classi in cui sono inseriti bambini con un ritardo cognitivo (o un deficit sensoriale) c'è un insegnante di sostegno (e magari anche un educatore) per cui tanti insegnanti si adagiano e non sentono la necessità di formarsi.
    Inoltre parecchi docenti scelgono posti sul sostegno perchè non riescono ad avere una cattedra su posto comune, quindi non solo non hanno una formazione specifica di base ma nemmeno sentono l'esigenza di formarsi perchè sanno (o sperano!) che sarà una situazione transitoria.
    Dò ragione a Paola quando dice che rapportarsi alla disabilità è emotivamente difficile e aggiungo che non tutti riescono a farlo con professionalità, anch'io ho provato gratitudine per questo docente che ha riconosciuto i propri limiti e rinunciato al posto ma purtroppo i professionisti qualificati sono davvero pochi, senz'altro in numero non sufficiente a coprire tutte le richieste... è un problema grave che non ricade solo sui ragazzini con disabilità ma anche su tutti gli altri, soprattutto dove l'handicap crea problematiche comportamentali importanti e difficili da gestire

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •