Privacy Policy
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 15 su 25

Discussione: lo sviluppo del linguaggio

  1. #1

    Predefinito lo sviluppo del linguaggio

    Ho letto con interesse questo articolo.... a presto con suggerimenti e proposte per favorire lo sviluppo del linguaggio nei nostri figli

    http://www.fondazionebaccichetti.it/...%20rondall.pdf
    La bellezza è nella diversità e nelle"diverse diversità" c'è la vera completezza.

  2. #2
    Super Moderator Pinguino reale L'avatar di maddy
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    brianza
    Età
    51
    Messaggi
    2,558

    Predefinito

    Io aspetto te , Laura!
    Io non ho grandi suggerimenti e proposte, dato che Monica parla piuttosto male, i miei sarebbero più che altro suggerimenti da NON seguire
    In realtà, mi sono accorta che Monica fa progressi a balzi, non certo graduali, e normalmente in concomitanza con momenti vissuti positivamente ed intensamente da lei (tipo vacanze, ma anche inizio della scuola). Tecnicamente non ho davvero nulla da suggerire: io le ho sempre parlato (forse troppo, forse troppo da grande? chi lo sa....), ho letto libricini, ho cantato e insegnato canzoni ma mi aspettavo sinceramente risultati migliori.... ok aspetto ancora
    Maddalena, mamma di Monica, 11 anni

  3. #3

    Predefinito

    Parlo solo ed esclusivamente per esperienza personale,Giorgio non ha cominciato presto a parlare e a 3 anni diceva sì e no una 30 di parole tanto che mi chiesi come facesse ad interagire alla scuola dell'infanzia,faceva psicomotricità ma non ha mai fatto logopedia solo sedute di osservazione e a 3 anni era troppo piccolo,alla valutazione successiva verso i 5-6 anni parlava benino perciò non ha mai fattoun lavoro esclusivamente logopedico,io a casa gli leggevo i libri,cantavo le canzoni e la''macchinetta'' di suo fratello era sempre attiva non per questo mi sento di dire che siano stati questi stimoli,semplicemente come per tutti i bambini c'è chi è più''portato''passatemi il termine in campo linguistico altri sul motorio,....del resto ogni tanto pur parlando correttamente dice alcune parole che filano nel discorso ma che alla mia richiesta di spiegazione sul significato delle quali non sa rispondere.Ricordo però come ero frustrata quando da piccolo gli chiedevo le cose e non rispondeva e capisco che il linguaggio sia un grosso lasciapassare per condividere momenti inclusivi in ogni ambito,insistete e cercate di svilupparlo senza pensare di non sentirvi adeguati se questo fatica ad arrivare,poi dopo aver sentito parlare ed argomentare Cristina Acquistapace .....ma lei è mitica.

  4. #4

    Predefinito stimolazione del linguaggio

    Vorrei un consiglio e parere da parte vostra che avete senz'altro più esperienza di me.
    Secondo la vostra esperienza e quello che avete fatto voi vi chiedo:
    Daniele ha 11 mesi, quando dovrei iniziare secondo voi a stimolarlo x il linguaggio?
    Intendo dire : quando è ora di introdurre le famose carte tematiche o quaderno di comunicazione di cui parlavate?
    Io x ora gli parlo raccontandogli tutto quello che faccio e facciamo insieme : la preparazione della pappa, il bagnetto, la sorella gli spiega i vari giochi, leggiamo libri tutti e tre assieme...ma volevo sapere se c'è qualche intervento mirato da mettere in essere.
    Daniele a 10 mesi ha iniziato la lallazione (so che non significa molto) ma volevo sapere se posso fare qualcosa di specifico x stimolarlo al meglio...

    Grazie di cuore a tutti x i vostri preziosi consigli!

  5. #5

    Predefinito

    Ciao, Stefano ha iniziato ad andare dalla logopedista e dall'educatrice (che lavorava facendolo giocare sempre per la stimolazione del linguaggio), quando aveva 1 anno e mezzo. E da subito mi è stato consigliato di fare il "libro dei resti", un quaderno dove noi incollavamo, ed incolliamo tuttora, le foto delle cose più belle che facevamo tutti insieme come famiglia (es.vacanze, gite con amici, feste di compleanno ecc.ecc.) e all'inizio lo leggevamo insieme, e poi a poco a poco e a modo suo ha iniziato a raccontarcelo lui. La logopedista inoltre ci aveva fatto fare la "scatola del soffio", che conteneva tutti gli oggetti che ci venivano in mente e che servivano per far soffiare Stefano (che fatica all'inizio ) perchè ci diceva che soffiare aiutava il linguaggio. Con l'educatrice i giochi che faceva erano più o meno quelli che descrivi tu, giocare con la bambola, preparare il caffè per tutti ecc.ecc. e poi cosa molto importante ci avevano detto di leggere tanti libri insieme a lui, quindi come vedi tutte cose che voi state già facendo . Io penso che qualsiasi cosa se fatta con il piacere di tutti può essere di stimolo e d'aiuto!
    Un bacio Simona
    ...a modo tuo camminerai e cadrai, ti alzerai sempre a modo tuo...

  6. #6

    Predefinito

    Io da mamma di un ragazzo più grande posso dirti che non ci sono regole fisse da seguire, ognuno agisce a suo modo l'importante è stimolarli più possibile con nuovi imput. Le carte di cui parli non so nemmeno cosa siano lo so sono un pò vecchietta io... ma ti posso dire che da quando aveva circa 8 mesi Marco è stato seguito da una pedagogista privata che gli insegnava a soffiare che gli scandiva i nomi degli oggetti ed altre cose. Da sempre io gli leggevo le favole, gli facevo sfogliare i giornali, i libriccini dando un nome alle cose ai personaggi, lui adorava quelli con le finestrelle che si aprivano e sotto comparivano le figure e soprattutto gli parlavo sempre sempre sempre. Poi a 3 anni ha cominciato la logopedia.
    noi sorteggiati dal computer di Dio!!

  7. #7

    Predefinito

    Una domanda però: siete stati consigliati da qualcuno (ad esempio neuropsichiatra o follow up dell'ospedale) x fare visite di logopedia o pedagogia o avete fatto da soli secondo il vostro istinto? Io mi sento un po allo sbaraglio perché nessuno ci consiglia e ci indirizza sui vari controlli che si potrebbero fare,ad esempio ho chiesto al neuropsichiatra x la logopedia e mi ha detto che prima dei 3 anni non è necessario,confermato anche dal pediatra..insomma mi sento sola a dover pensare a mio figlio...nessuno mi suggerisce cosa devo fare e a volte mi sento proprio persa....

  8. #8

    Predefinito

    Anche a noi al centro Aias la neuropsichiatra inizialmente aveva detto che la ns bambina avrebbe dovuto iniziare con la logopedia a tre anni. Poi a Marzo del 2014 siamo stati al dh di roma al bambin gesù e la logopedista ci ha detto e scritto che francesca era pronta per partire con la logopedia. abbiamo presentato il referto di roma al centro e la neuropsichiatra ha avviato la procedura per aggiungere in terapia per una volta a settimana la logopedia. così francesca ha iniziato ad aprile dell'anno scorso a due anni. ora da qualche settimana fa due incontri di logo. questo è quello che abbiamo fatto noi, e come tutti voi parliamo parliamo tanto con lei, giochiamo, cantiamo e le leggiamo favolette a go go.....
    Maria Grazia, mamma di Paolo (28/07/2007) e Francesca sdd (16/04/2012)

  9. #9

    Predefinito

    Ciao Antonella. Noi abbiamo iniziato con la logopedia privatamente a tre anni e mezzo perchè in NPI ci dicevano che non era pronto. Ancor oggi che ha 5 anni continuano a dire che non è pronto....
    Capisco la sensazione di abbandono che provi perchè è la stessa che provo io, nessuno che ti dice come muoverti. Comunque con Daniele continua quello che stai facendo, parla,parla, parla, racconta, canta, fai i versi e i suoni di ogni oggetto o animale mentre giochi. Bello anche sfogliare gli album delle foto e ripetere i nomi di parenti e amici. Ricorda che prima di tutto è un bambino.....

  10. #10

    Predefinito

    Ciao. Con Lisa io al momento faccio dei massaggi fuori e dentro la bocca, consigliati dalla logopedista del Cepim di Genova. Invece qui a Bolzano ci hanno dato la stessa risposta che prima dei 3 anni non serve.
    Poi io ora mi metterò a preparare i raccoglitori con le figurine del Guk. Che sono delle cartoline che aiutano ai bambini con l'ssd ad apprendere il linguaggio dei segni fatto apposta per loro, per riuscire a comunicare prima e poi una volta imparato questo linguaggio a facilitare l'apprendimento del linguaggio normale. Però è in tedesco, visto che sono di madrelingua tedesca con la piccolina parlo in tedesco. Io penso però che è simile alle carte tematiche? Può essere? Io di quelle non ho mai sentito parlare.
    In più anche noi guardiamo già i libriccini e vorrei iniziare la sera a leggerle qualche storia
    Ohana significa famiglia e famiglia significa che nessuno viene abbandonato.

  11. #11

    Predefinito

    Ciao!
    Anche noi facciamo tanti massaggini oro-facciali. Il resto è quello che fanno tutte le altre mamme di tutti gli altri bambini.
    In proposito vorrei cogliere lo spunto x fare una domanda ai genitori di bimbi più grandicelli: c'è un modo x capire all'età dei nostri o poco dopo, se lo sviluppo del linguaggio sta procedendo bene o se magari si può tentare già qualcosa in termini di logopedia o altro?
    [I]Donatella,mamma di Francesco(22/09/07),Tommaso(10/10/09) e Bianca,la nostra pinguinetta(14/03/14)

  12. #12

    Predefinito

    Quando Marco era piccolo (ora 17 anni) i 3 anni era l'età standard che la ASL considerava minima per iniziare la logopedia ma non si basava affatto su una visita individuale era così per tutti non ammettevano minimamente un bambino più piccolo. Vi posso dire che la logopedia è importantissima perchè il parlare bene, il farsi comprendere è la base se poter inserirsi nella società nelle amicizie. Certo sarebbe meglio se fatta privatamente (la pubblica è poca e molte volte c'è distrazione per loro) ma è molto costosa a mio avviso. Noi abbiamo puntato molto sulla comprensione e per questo oltre alle terapie standard nella ASL da quando aveva 9 mesi è seguito da una pedagogista privata ed infatti nelle visite NP trovano che in questo ambito raggiunge un punteggio maggiore rispetto agli altri campi quando misurano il QI. L'andamento del linguaggio come di ogni altra cosa è molto soggettivo non puoi fare un paragone con altri c'è chi parla prima c'è chi parla dopo l'importante è il risultato finale certo ben venga ogni aiuto in più.
    noi sorteggiati dal computer di Dio!!

  13. #13

    Predefinito

    Ciao Anto,
    Al corso in Inghilterra ho scoperto che i bimbi con sdd vengono introdotti già molto presto alla distinzione dei suoni, che pare essere un po un punto debole se sviluppato senza supporto visivo. Quindi già da piccoli si introducono delle schede con i suoni (esempio la lettera S) e un'immagine (il serpente) in modo da facilitare sia la comprensione che in futuro la produzione dei suoni e dei fonemi.
    Qui da noi, a quanto so, questo viene eventualmente affrontato dopo i 3/4 anni, ma devo dire che io sono rimasta molto colpita dal sistema utilizzato li che è basato su ricerche dettagliate ed è abbastanza semplice da utili utilizzare per noi genitori.

    Certo sarebbe bello avere dei professionisti che ci consigliano e vedono con occhio esperto progressi e limiti.

  14. #14

    Predefinito

    anche noi abbiamo cominciato a 2 anni, ma con un counselling logopedico ogni 20 gg circa. In questi incontri di 40 minuti circa in cui ero presente la logopedista mi faceva vedere vari giochi da proporre a Lorenzo, per aiutarlo a produrre i suoni prima e parallelamente cominciare a allungare la sua attenzione e strutturare da subito una prima bozza di frase...... del tipo: mamma e verso di mangiare ... e più avanti: mamma papa... poi a 2 anni e mezzo abbiamo cominciato ad andare una volta alla settimana e non abbiamo più smesso, a parte il mese di agosto, e devo dire che i risultati sono davvero buoni.

  15. #15

    Predefinito

    Secondo me state già facendo un gran lavoro .
    Alice ha cinque anni ,un infinita curiosità.Noi giochiamo moltissimo A dire il vero alcune cose della terapia sono diventate gioco ,per rendere tutto molto leggero Insomma abbiamo ottimizzato le cose .
    Vedrai che le risposte e le soddisfazioni non mancheranno

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •