Privacy Policy
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: "Là dove fioriscono le magnolie" di Darcie Maranich

  1. #1
    Administrator Pinguino reale L'avatar di zioudino
    Registrato dal
    Jan 2011
    residenza
    Provincia di Cuneo
    Età
    43
    Messaggi
    1,588

    Predefinito "Là dove fioriscono le magnolie" di Darcie Maranich

    Mi sono imbattuto in questa recensione...e l'ho trovata interessante. Qualcuno l'ha già letto?

    http://www.ilrecensore.com/wp2/2014/...o-le-magnolie/

    “Sappiamo che ama scrivere biglietti con i pastelli, e che ogni giorno con lei ha il sapore magico del Natale. Sappiamo che ogni giorno con lei è un regalo inatteso. Perché ogni giorno è una sorpresa. Sappiamo anche che ha tre cromosomi 21, cioè è affetta dalla sindrome di Down”. La “lei” di cui parla sul suo blog la scrittrice Darcie Maranich, autrice del delicato romanzo Là dove fioriscono le magnolie (Garzanti 2014), è la figlia Cassidy, a cui appena nata è stata diagnosticata la sindrome di Down.

    Nel romanzo, Maranich racconta la storia della 14enne Becca che scopre alla morte della madre Jeannie di avere un fratello affetto da sindrome di Down, Ben, che Jeannie ha deciso di abbandonare poco dopo la nascita, lasciandolo al padre. Alla morte della madre, Becca viene portata a vivere proprio con quel padre che sembrava averla abbandonata, e che invece, come scoprirà, per anni si è preso cura da solo di Ben. In un percorso non facile, la giovane Rebecca imparerà ad amare il padre, a capire il gesto di sua madre, ad odiarla e a tornare poi ad amarla, ad amare quel suo fratellino “strano” e pieno di affetto incondizionato e puro nei suoi confronti.

    Non tutto è rose e fiori, e la stessa Maranich sembra dirci, attraverso l’esperienza del padre di Ben e Becca, che non bisogna negare tutte le sofferenze e le fatiche, e i momenti bui. Ma ci dice anche che bambini come Ben, o come la sua Cassidy, aiutano a vedere le cose da un’altra prospettiva, a dare un grande valore ai piccoli gesti. Ad amare profondamente il proprio figlio nonostante le difficoltà, come bisogna fare con tutti i figli, e a crescerli facendoli sentire orgogliosi di se stessi.

    È una storia che insegna l’amore tra figli e genitori e tra fratelli e sorelle, perché anche a Becca servirà un cambiamento di prospettiva per amare Ben. A volte, poi, questo amore significa vedere le cose come sono, senza pregiudizi, preconcetti e aspettative sbagliate. Perché in fondo l’amore per un figlio è quello che descrive Darcie Maranich, sempre nel suo blog: “Nello scegliere di avere un figlio, avevo preso un impegno con il mio bambino non ancora nato: mi sarei occupato di lui/lei per il resto della mia vita. Partorii una bambina dal bel colorito rosato, con gli occhi a mandorla e dita corte e paffute. Adesso, quattordici anni dopo, di lei sappiamo molto di più di quello che sapevamo allora. Sappiamo che ama guardare i film, mangiare il gelato e festeggiare i compleanni. Sappiamo che non rifiuterà mai un abbraccio né una leccata dal più bavoso dei cani. Sappiamo che la sua testardaggine corre in profondità e che non conosce vergogna. Sappiamo che è grata: mi ringrazia per cose per cui nessuno mi ringrazia mai”.

    Darcie Maranich vive a Tucson, in Arizona, ed è madre di quattro figli, fra cui una bambina con la sindrome di Down. Oltre a fare la mamma a tempo pieno è anche autrice di un blog (suchthespot.com) in cui racconta gli alti e bassi della sua vita quotidiana e scrive delle sue passioni. Là dove fioriscono le magnolie è il suo romanzo d’esordio.

    Autore: Darcie Maranich

    L'anatroccolo non diventa cigno ma vola lo stesso

  2. #2

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da zioudino Visualizza il messaggio
    Mi sono imbattuto in questa recensione...e l'ho trovata interessante. Qualcuno l'ha già letto?
    eccomi!
    Bella storia di sentimenti... leggermente americana ed "improbabile" secondo me negli eventi narrati, che ovviamente non posso qui anticipare, ma ben scritta e con personaggi ben caratterizzati.
    Un punto in più naturalmente deriva dal fatto che è stato scritto da una mamma down
    Per certo lo ha letto anche Martina, che me lo ha indicato... quindi a lei la palla
    Non con la mole vincete o fallite ... siate il meglio di qualsiasi cosa siete
    www.darioweb.com

  3. #3
    Administrator Pinguino reale L'avatar di kokoro
    Registrato dal
    Jan 2006
    residenza
    Milano
    Età
    49
    Messaggi
    923

    Predefinito

    eccomi all'appello!
    Scusatemi ma ero via con mio marito senza figli e ho scollegato ogni connessione social
    Non solo l'ho letto, l'ho adorato e consigliato a un sacco di amici.

    Lo confesso l’ho comprato perché parlava di sindrome di down, ma ci ho trovato molto di più.
    E’ un libro che parla di scelte, di quanto costi farle, di quanto si rinuncia quando si fanno, ma anche di quanta vita c’è dietro ad ogni bivio preso. Una dimostrazione di quanto sia piuttosto la non scelta a paralizzare e anestetizzare la vita! Scegliere porta sempre con sé una dose di dolore e una dose di gioia, si rinuncia sempre ad una parte di se stessi, ma se ne vive pienamente un’altra.

    Un libro che insegna a leggere dietro ai pregiudizi e a provare a guardare le cose da più punti di vista, ci accompagna a rinunciare al giudizio, piano piano lungo il racconto impariamo a perdonare e a vedere quanto affrettati possano essere i giudizi verso l’altro. Insomma la vita e le sfumature della vita.

    E' vero non succedo molto in questo libro, anche se io non trovo i fatti improbabili, ma la forza secondo me sta nel come Darcie Maranich ha scavato dentro le anime dei tuoi personaggi al punto che alla fine mi sembrava di conoscerli, gli ho voluto bene, mi sono arrabbiata con loro, mi sono emozionata con loro, ho pianto con loro…
    Kokoro... con l'accento sulla terza ò!
    Ovvero Martina, mamma di Giulia (16 anni), Emma (13 anni SdD), Cesare (12 anni)

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •