Privacy Policy
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Lettera ad un'ottumamma

  1. #1

    Predefinito Lettera ad un'ottumamma

    Questa lettera è comparsa sulla Stampa di qualche giorno fa... e secondo me rappresenta un esempio di ciò che potrebbe succedere presentando solo la faccia "brutta" della disabilità...
    Non può solo essere un problema di chi guarda... ma evidentemente anche di come si espone chi si offre allo sguardo degli altri.
    Personalmente sono convinto che abbiamo una precisa responsabilità anche noi su ciò che la Società ci "rimanda", riguardo il modo di relazionarci con la disabilità... e le conseguenti speranze di integrazione dei nostri figli.

    Non vorrei mai che mio figlio vedesse bambini handicappati! Mai in un asilo con disabili. "Mio figlio potrebbe rimanere traumatizzato" A raccontare la vicenda una giornalista indignata dopo aver ascoltato una collega lamentarsi all' asilo nido

    Sono anche io giornalista, anche io padre di un ragazzo con handicap. Riporto senza altri commenti questa lettera di una mia collega a un' altra collega...A cui mi piacerebbe tanto presentare mio figlio Tommy. Non ho mai pubblicato una sua foto, lo faccio ora per la prima volta, spero che la veda e si spaventi tanto!!!! (Gianluca Nicoletti)
    ----------------------------------------------
    "Sai poverini, non ho niente contro di loro, ma non vorrei che mio figlio nel vederli, rimanesse traumatizzato a vita!”. Così una mamma con un piccolo di due anni da mandare al nido e un asilo proprio sotto casa, ma con la “sfortuna” di trovarsi nello stesso istituto per "bambini handicappati”. A raccontare la vicenda, una discussione ascoltata per caso a pochi passi dalla propria postazione di lavoro, è Silvia Gusmano, giornalista e mamma indignata che manda una lettera aperta a quella che chiama “ottumamma”, che si preoccupa dei bambini “in sedia a rotelle” presenti nell'istituto, prima ancora di chiedersi se l'asilo sia valido, del corpo insegnante e della qualità dei servizi. (da Redattore Sociale)

    Uno sfogo a denti stretti, per denunciare apertamente la gravità di certe “scelte educative”. Scrive la Gusmano: “Sono a lavoro e sto scrivendo una cosa noiosa seduta alla mia scrivania, con la porta aperta e poca concentrazione. Sento, a pochi metri di distanza, una collega conosciuta solo di vista raccontare l'ennesimo scandalo degli asili italiani: vogliono mettere il suo piccolo di due anni in un nido che ha il pregio di stare davanti casa sua, ma il neo di trovarsi all'interno di un istituto per "bambini handicappati, molti in sedia a rotelle". "Sai poverini, non ho niente contro di loro - spiega la collega-mamma -, ma non vorrei che mio figlio nel vederli, rimanesse traumatizzato a vita! Bene o male se avesse dieci anni potrei spiegargli che sono meno fortunati di lui, ma così...".

    Così il trauma è garantito... Ma de che?! - penso - ottusissima mamma-collega: se avesse dieci anni e fosse sempre stato tenuto alla larga dalle sedie a rotelle per non scatenare improbabili traumi e ti vedesse lanciarti in voli pindarici per spiegargli i misteri della vita circa fortune e sfortune degli esseri umani, di certo avrebbe la seguente reazione: ‘Ho vissuto senza questi bambini finora, perché cambiare? Se sono meno fortunati - o meglio, dei totali sfigati - non è certo colpa mia: continuiamo a evitarli'.

    Ma lo penso e, vigliaccamente non lo dico. Come pure tengo per me il seguente commento: con tutti i problemi che abbiamo per trovare un nido per i nostri figli (ho un bimbo di un anno e inizio a conoscerli sulla mia pelle), un nido che abbia dei buoni maestri, che sia comodo e vicino casa per risparmiare qualche acrobazia alle nostre frenetiche giornate, tu ottusissima mamma-collega ti preoccupi del "trauma da sedie a rotelle"?

    Ti sei informata prima, dell'esperienza del corpo insegnante, di come si mangia, di che livello di sicurezza e affidabilità ha la struttura? Di quanti bambini ci sono? Spero per te di sì e spero che i riscontri non siano stati positivi perché, in caso contrario, verresti promossa all'istante da ottusissima a stra-ottusissima mamma”. E conclude : “Tante cattiverie mi verrebbero in mente da sbatterti in faccia, cara ottumamma, per farti capire la gravità delle tue scelte educative. Cattiverie sull'imprevedibilità della vita che, in tanti casi, ci mette un attimo a spedire su una sedia a rotelle noi o quelli che amiamo e sulle ritorsioni a cui andiamo incontro da vecchie (e già partiamo avvantaggiate noi neo mamme che da tempo abbiamo salutato i 30) se non insegniamo ai nostri figli il valore del rispetto per i più deboli.

    Ma poi, sulla rabbia prevale la rassegnazione: perché a un'ottumamma del nostro tempo, che probabilmente ha deciso di mettere al mondo il figlio (e quindi di volergli bene) solo dopo tutte le assicurazioni possibili sullo stato di salute del feto, dovrebbe ora importare di insegnare a quel figlio che malattia, handicap di tutti i gradi e livelli, limiti, debolezze e difetti non sono sciagure occasionali, ma sono ingrediente ahimè irrinunciabile della vita stessa? Perché l'ottumamma, anziché proteggere il suo bimbo dalla vista di quelle che - beata lei - ritiene sfighe degli altri, dovrebbe insegnargli un approccio naturale, leggero e paritario alla diversità?”
    Tratto da: http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tm...ezione&sezione
    Non con la mole vincete o fallite ... siate il meglio di qualsiasi cosa siete
    www.darioweb.com

  2. #2
    Administrator Pinguino reale L'avatar di kokoro
    Registrato dal
    Jan 2006
    residenza
    Milano
    Età
    48
    Messaggi
    922

    Predefinito

    Scusa Sandro, potresti argomentare il tuo pensiero, perché qui non vedo nessuna responsabilità "nostra" sul come ci poniamo verso gli altri... Credi davvero che una persona del genere possa aver costruito questo "valore morale" da trasmettere a suo figlio a causa di come ha visto porsi persone che vivono la disabilità verso la disabilità stessa, o verso il dolore o le difficoltà della propria vita?
    Sono certa che c'è dell'altro nel tuo pensiero...
    Kokoro... con l'accento sulla terza ò!
    Ovvero Martina, mamma di Giulia (16 anni), Emma (13 anni SdD), Cesare (12 anni)

  3. #3

    Predefinito

    anch'io ho letto questo articolo sul quotidiano "LA STAMPA" ed è questa la mia impressione: viviamo in una società decadente senza valori dove conta più l'apparire che l'essere e di conseguenza dato che si ricerca il fisico perfetto,la famiglia perfetta, il figlio perfetto,tutto ciò che esce dalla moda imperante del tempo va rifuggito! Quindi la malattia,la sofferenza che si associa anche all'handicap fisico o psichico Fa Paura,perchè non solo non lo si conosce,ma non lo si vuole neppure conoscere! Penso che si ritornerà alle scuole differenziali o istituti per handicappati ,insomma si arriverà al ghetto e anche alle leggi razziali ,ma sotto una forma diversa;i segnali ci sono purtroppo!!!!!!!!
    per trovare me stessa devo uscire da me stessa.devo cercare la mia identità in Dio e anche negli altri uomini.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •